firsttime

New

Autonomous Drone Flight Technology


Per consentire agli utenti di sfruttare appieno il potenziale della tecnologia multi-drone in varie applicazioni, tra cui la navigazione autonoma.

-DAYS
-HOURS
-MINUTES
-SECONDS
Guarda il webinarPartecipa

BRIEF E CHALLENGE

Autonomous Drone Flight Technology

I droni senza pilota (UAV), anche chiamati droni, stanno diventando uno strumento indispensabile in diversi settori, rivoluzionando vari settori con la loro versatilità e capacità.

Nonostante l'utilità dei droni in varie applicazioni, la maggior parte delle attuali soluzioni commerciali presenta due significative limitazioni: la mancanza di flessibilità nella modifica della piattaforma e la mancanza di sensori specializzati e meccanismi per queste piattaforme. Molti droni esistenti sul mercato offrono interfacce chiuse, sia in termini di hardware che di software, che limitano gli utenti dalla personalizzazione della piattaforma secondo esigenze specifiche. Questa limitazione ostacola l'innovazione e soffoca il potenziale per soluzioni su misura in diversi campi. Inoltre, le attuali piattaforme di droni spesso presentano carenze in aree critiche come l'hardware di comunicazione, i sensori di visione specializzati a bordo, la versatilità del carico utile e l'accessibilità alle interfacce dati interne. Molti droni commerciali sul mercato forniscono sistemi di comunicazione specializzati, limitando l'interoperabilità tra agenti e ostacolando l'integrazione di hardware e software di terze parti. Inoltre, la limitata flessibilità nella configurazione del carico utile pone sfide per adattare i droni a diverse esigenze di missione. La mancanza di interfacce accessibili per l'accesso ai dati interni limita gli utenti dall'effettuare analisi approfondite o dall'implementare funzionalità avanzate. Inoltre, coordinare e gestire la comunicazione tra più droni in modo unificato rimane una sfida significativa. Di conseguenza, esiste un urgente bisogno di droni più adattabili e tecnologie specializzate che consentano agli utenti di sfruttare appieno il potenziale dei droni.



La soluzione si dovrebbe basare sulle più recenti tecnologie sviluppate in ambito del BCI che sfruttino, a loro volta, lo stato dell’arte di funzionalità di data analysis basate sull’Intelligenza Artificiale.

Per poter partecipare alla Challenge viene richiesta una proposta di sviluppo e test di un sistema di Brain Computer Interface che in 12 mesi possa essere validato in laboratorio con TRL pari almeno a 4.


25 MARZO 2024

Apertura

Verrà aperta la possibilità di candidarsi alla Challenge


30 APRILE 2024

Chiusura

Chiusura della Challenge, tutte le candidature dovranno essere completate entro questa data


MAGGIO 2024

Selezione

Verranno comunicati I tre progetti selezionati che presenteranno al Pitch Day


MAGGIO 2024

Pitch Day

Evento conclusivo in cui I progetti selezionati avranno la possibilità di essere esposti davanti ai manager di Leonardo.

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam, eaque ipsa quae ab illo inventore veritatis et quasi architecto beatae vitae dicta sunt explicabo.

Challenge

L'intento di questa challenge è sviluppare una comprensione fondamentale delle caratteristiche dei sensori neuromorfici (a partire dai sensori commerciali in banda visibile attualmente disponibili) e applicare tale conoscenza allo sviluppo di algoritmi di D&T che sfruttino appieno il le loro caratteristiche.

La sfida include anche la capacità di generare algoritmi capaci di elaborare rapidamente e tracciare relazioni tra un gran numero di eventi separati e di correlare rilevamenti temporalmente e spazialmente separati.

I sensori neuromorfici sono ancora una tecnologia immatura e come tale hanno ancora una bassa risoluzione e una significativa vulnerabilità al rumore. Sebbene la qualità dei sensori sia destinata a migliorare nel tempo, obiettivo della challenge è anche strutturare algoritmi robusti anche rispetto a al rumore tipico dei sensori e alla loro risoluzione relativamente bassa. Grazie a questi algoritmi le caratteristiche peculiari dei sensori neuromorfici potranno essere sfruttate al massimo delle loro potenzialità, abilitando lo sviluppo di sistemi di D&T ad alta velocità, bassa potenza e alta gamma dinamica.

Sfida

Questa sfida mira a far progredire la ricerca e la tecnologia di volo autonomo dei droni. Ci concentriamo sulla prioritizzazione dell'apertura, della modularità, della flessibilità e dell'accessibilità. Queste caratteristiche permetteranno agli utenti di sbloccare il pieno potenziale della tecnologia multi-droni in varie applicazioni, compresa la navigazione autonoma. Gli ultimi decenni hanno evidenziato il potenziale della tecnologia dei droni e svelato le sue attuali limitazioni. Questa sfida apre la strada per mitigare tali limitazioni spingendo i limiti di una o più delle seguenti tecnologie correlate ai droni:

  • Sistema di comunicazione mesh robusto che consente la connettività a lungo raggio (> 1 Km), il trasferimento dati ad alta velocità (minimo 50 Mbps) e la bassa latenza tra vari droni.
  • Sensore RGBD stabilizzato con gimbal che fornisce mappe di profondità accurate a lunghe distanze (fino a 30 m) e immagini RGB. Il sensore deve emettere immagini a 30 FPS (o superiore) con risoluzione di 720p o superiore. I dati dal gimbal sono accessibili e controllati dall'utente tramite API (ad esempio, posizione del gimbal, guadagni di controllo).

  • Sistema di consapevolezza visiva a 360° con telecamere multiple per la navigazione interna ed esterna dei droni. Il sistema di visione fornisce immagini a elevato frame rate per eseguire operazioni di volo in tempo reale.
  • Sensore RADAR a onde millimetriche adatto ai droni che fornisce specifiche di rilevamento simili a quelle utilizzate per la guida autonoma delle auto.

Tutte le soluzioni proposte dagli aspiranti devono soddisfare le specifiche di carico utile, dimensioni e potenza di un drone (ciascun elemento con un peso massimo di ~ 1 kg).

Non vediamo l'ora di sentire le vostre soluzioni per spingere i confini della tecnologia dei droni e plasmare il futuro delle operazioni di robot aerei.

BENEFICI

Perché Partecipare

30.000€


Contributo economico

Leonardo Labs


Accesso ai laboratori e supporto del nostro team

Brand Valorization


Valorizzazione del Brand possibilità di partecipare ad eventi specifici e di settore insieme a Leonardo

Affiliazione


Con Leonardo Team for Innovation per promuovere I propri prodotti/servizi

Marketing & Sales


Rapporti diretti con la rete Marketing e Sales Leonardo

Inserimento nell’albo fornitori Leonardo


Per la classe merceologica di riferimento.

DOCUMENTI

Scarica il materiale della challenge

COME PARTECIPARE

Domande frequenti

Possono partecipare alla challange e presentare proposte di Soluzioni Innovative le imprese e/o enti di ricerca già costituite che rientrano nelle categorie di seguito elencate:

  • Startup e PMI Innovative registrate alle apposite sezioni speciali del Registro delle imprese;
  • Spin off universitari
  • Università e Enti di ricerca.

Ai fini della partecipazione è necessario:

  • Visionare il Regolamento della Challenge, nonché i relativi allegati che ne costituiscono parte integrante, ed accettarne i termini e le condizioni;
  • Visionare l'Informativa Privacy
  • Inviare la propria domanda di partecipazione, completa di tutte le informazioni richieste:
    • modulo di presa visione e accettazione del regolamento (Modulo Accettazione Partecipante)
    • modulo di partecipazione disponibile sul sito
  • Visionare il Codice etico e il Codice Anticorruzione del Gruppo Leonardo, reperibile al sito, ed accettarne i contenuti.

Le candidature che non siano complete di tutte le informazioni richieste dal presente Regolamento saranno automaticamente escluse dalla selezione.


Tutte le FAQ's

Pronto per proporre la tua idea?

Vai alla candidatura